local marketing definizioni e vantaggi

Local marketing: che cos’è e perché fa bene alle Pmi

Che cos’è il local marketing? È un vantaggio per le PMI? Davvero vale la pena investire in pubblicità su web, siti Internet, campagne Facebook? Ancora: mettere i volantini nelle cassette della posta o distribuire brochures è ancora utile? Proviamo a rispondere insieme

By

Che cos’è il local marketing? È un vantaggio per le PMI? Molti small business e piccole e medie imprese si pongono questa domanda. Davvero vale la pena investire in pubblicità su web, siti Internet, campagne Facebook? Ancora: mettere i volantini nelle cassette della posta o distribuire brochures è ancora utile?

In questo post non vogliamo dare una risposta standard, perché ogni caso richiede una soluzione su misura. Tuttavia, abbiamo raccolto molti dati che ci fanno affermare che il local marketing funziona ed è un vantaggio competitivo per le PMI.

Local marketing: una definizione

Per marketing locale si intende ogni strategia di comunicazione e promozione che porta il potenziale cliente verso un luogo d’acquisto.

Ne sono interessate tutte le attività che hanno punti di vendita diretti sul territorio: dal minimarket alla palestra di fitness, dalla pasticceria specializzata al libero professionista.

Oggi il termine local marketing è più spesso associato a promozioni on line ma, in una strategia combinata, nulla vieta di affiancare campagne su canali tradizionali, come volantini e cartelloni pubblicitari, e azioni su fasce di pubblico selezionate dal web.

Clicca qui per saperne di più sulla definizione di marketing local

Guardare al risultato

Un buon progetto di comunicazione e promozione che comprenda pubblicità, eventi sponsorizzati, comunicati stampa ai giornali locali e social media management, dà molti risultati.

La visibilità sul territorio paga e, sul medio periodo, in negozio arrivano nuovi clienti.

Clicca qui per leggere sette storie di marketing locale di successo.

Il marketing locale ha il merito di poter lavorare su fasce circoscritte: è più facile mandare il messaggio al target giusto. È possibile, per esempio:

  • fare pubblicità su un giornale locale
  • lanciare campagne Facebook su target ben selezionati
  • aggregarsi a un portale frequentato da utenti del territorio.

Fare local marketing sul web è un buon trampolino di lancio per fare affari con un piccolo business.

Spesso, si pianifica un progetto di web marketing a livello locale per:

  • farsi conoscere, per start up e imprese aperte da poco
  • incrementare i clienti attraverso il web
  • testare un prodotto nuovo o un’offerta.

Perché fare marketing on line?

Secondo gli esperti, 4 consumatori su 5 utilizzano il web per una ricerca locale.

Pensiamo alle nostre abitudini quotidiane. Che cosa facciamo quando non ci ricordiamo una definizione o non sappiamo dove si trova una località? Cerchiamo sul web, giusto?

Per esempio:

  • siamo a casa e cerchiamo una pizzeria a domicilio nel nostro comune
  • il nostro ospite vuole mangiare sushi, dove si cena stasera?
  • dobbiamo fare la scelta del medico di base, ma gli uffici Asl sono cambiati. Dove si trovano ora?

I canali più usati dalle persone per rispondere a queste domande sono:

  • una ricerca su Google
  • un post su una comunità Facebook locale o su un gruppo dedicato.

Small business e Pmi: qualche consiglio

La soluzione per intercettare queste ricerche c’è.

Sono possibili più strade: tutto dipende dal tipo di attività e dalle fasce di clienti che è più produttivo raggiungere.

Alcune ipotesi

1. Avere il sito Internet aziendale è la prima condizione (guarda la sua utilità per una pizzeria d’asporto per esempio)

2. Chiedere a un consulente Seo-local di orientare il sito web al meglio per facilitare la ricerca degli utenti

3. Avviare campagne di pubblicità su Adwords

4. Aggregarsi a un portale locale o entrare in un marketplace (scopri i vantaggi di aggregarsi a un portale online per i Business Locali)

5. Aprire una pagina Facebook aziendale

6. Lanciare una campagna promozionale su Facebook, che aggiorna costantemente il suo algoritmo e premia i virtuosi.

Per iniziare a fare affari con un business locale, si possono anche scegliere strade come

1. Organizzare un evento al pubblico e comunicarlo ai giornali, con pubblicità e comunicati stampa

2. Pagare publiredazionali sulla stampa locale

3. Affiggere poster e manifesti pubblicitari

4. Distribuire volantini, in occasione di eventi o fiere frequentate dal nostro target

5. Sponsorizzare eventi culturali o sportivi.

Investire in pubblicità per piccoli business: troppo costoso?

A molte Pmi le strategie di comunicazione e promozione sembrano troppe onerose. La lista di azioni possibili per fare local marketing è molto lunga, ma non è necessario fare tutto e non subito!

Alcune indicazioni pratiche:

  • se l’azienda non ha ancora un sito Internet, presentarsi all’interno di un portale on line è un primo passo
  • il sito web è consigliato, ma, da solo, non è sufficiente
  • i volantini sono uno strumento dispersivo: perché non provare con buoni sconto o campagne via sms?

Local marketing: meglio Internet?

È meglio fare marketing solo sui canali web o intraprendere progetti in sede?

Non c’è una risposta univoca e tutto dipende dal budget. Molti esperti consigliano un progetto combinato, che non trascuri una presenza on line e che si rivolga anche ai canali tradizionali, ma in modo mirato.

Non c’è bisogno di spendere una fortuna per avere una pagina pubblicitaria sul quotidiano nazionale; meglio offrire buoni omaggio alla lotteria del paese.

Raccogliere nomi, indirizzi, numeri di telefono dei clienti locali – dietro liberatoria! – è un primo passo per future campagne promozionali.

Bottega Verde manda via sms gli auguri di compleanno e un coupon di sconto: è una strategia che piacerebbe ai tuoi clienti?

Oppure preferisci organizzare un concorso riservato a una rosa selezionata di pubblico?

Per altri consigli su strategie di local marketing scrivi a info@emporium365.it

You may also like